SEI IN > VIVERE SAN SEVERO > ATTUALITA'
lancio di agenzia

A San Severo il Festival delle culture del paesaggio

6' di lettura
12

(Adnkronos) - Si rinnova anche quest'anno l'appuntamento con il Festival delle culture del Paesaggio, alla 3/a edizione, organizzato e promosso dall'Amministrazione comunale di San Severo (Foggia) sotto l'egida della Regione Puglia, che coinvolgerà San Severo e le città dell'Alto Tavoliere delle Puglie, San Paolo di Civitate e Serracapriola, lungo il Tratturo Magno L'Aquila- Foggia.

Da giovedì 9 a domenica 12 maggio, quattro giorni nel segno della transumanza come ricerca di segni umani e sacri, memorie, gesti e passi, che culmineranno, giovedì 9 maggio dalle ore 18 nella Galleria dei Celestini di San Severo, nella grande festa della "Notte dei transumanti, tra natura umana e paesaggio", un happening di grande musica e poesia che evocherà il trasloco dei transumanti. Un mitico viaggio emigrante lungo la dorsale appenninica tra serenate e ballate, ninne nanne e tarantelle d’amore, ritmi frenetici e saltarelli sempre attenti a coinvolgere il pubblico e farlo “camminare” sulla musica. I ritmi, i suoni, i canti e balli della tradizione con la voce e la fisarmonica di Ambrogio Sparagna e la musica del polistrumentista Erasmo Treglia (torototela, ghironda, ciaramella), con la partecipazione straordinaria di uno dei più importanti arpisti del mondo Vincenzo Zitello protagonista del progetto “L’Europa è un sound” insieme ad Alessia Salvucci, artista poliedrica musicista cantante danzatrice, e i versi del poeta Davide Rondoni, direttore artistico del Festival. Un dialogo ritmico tra arpe e tamburi portatori di miti, narrazioni, invocazioni, fiabe.

«L'appuntamento di maggio, il Festival, la seconda "Notte dei transumanti", sviluppano il lungo lavoro sul Mosaico di San Severo portato avanti nella convinzione che il paesaggio è il risultato ultimo del rapporto uomo/ natura, natura umana e natura dell'ambiente. Il Paesaggio è un fenomeno culturale, e va indagato e promosso» Quest'anno le presenze di ospiti artisti di grande valore e di dibattiti preziosi daranno un contributo originale, fuori dalle semplificazioni e dai soliti schemi» spiega il direttore artistico Davide Rondoni, poeta e scrittore «Il paesaggio è la vita e non si può codificare, è terreno di visioni e linguaggi differenti da un punto di vista culturale, sociale, e dunque economico».

Va a Federico Quaranta, volto popolare delle trasmissioni televisive Rai Il Provinciale, Linea Verde e voce storica di Decanter programma radiofonico cult di Rai Radio2, il Premio “Festival delle culture del paesaggio - Mosaico di San Severo 2024”.

«Ci sono viandanti che portano il mondo nei propri occhi e viandanti che lo portano anche negli occhi degli altri. Federico Quaranta è tra questi. Noto a un vasto pubblico come conduttore radiofonico e viandante televisivo, ha in questi anni dedicato una attenzione particolare all'Italia meno evidente, laterale, provinciale, mostrando che il rapporto con il paesaggio è comunque sempre problema centrale nell'esistenza e nella cultura umana, e nella interpretazione del mondo contemporaneo», si legge nella motivazione.

La cerimonia di premiazione venerdì 10 maggio alle 19.30, Galleria dei Celestini Corte Teatro, con la partecipazione di Fabio Mucilli per il Comune di San Severo e il poeta Enrico Fraccacreta. In serata, l’evento spettacolo “Musicanti e tradizioni” con il critico Paolo Lagazzi, Frak, dj e compositore, e il musicista Salvatore De Iure. Al Festival, venerdì 10 maggio, alle ore 18, nella Galleria dei Celestini di San Severo, l’incontro d’autore “I poeti strappano l’ultima parola alla guerra” con il critico Paolo Lagazzi e i poeti Enrico Fraccacreta, Alessia Iuliano e Antonio Bux tra i finalisti del Premio Strega Poesia 2024 con il suo ultimo libro “Mappe senza una terra” (RP libri).

Il Festival delle culture del paesaggio si riconferma un appuntamento annuale di riferimento per la Regione Puglia e il territorio del Tavoliere. Una rassegna che diventa piattaforma attiva per condividere, riflettere, progettare insieme il futuro del paesaggio e del territorio in chiave sempre più sostenibile. Nasce da queste premesse il protocollo di intesa che sarà firmato nel corso dell’inaugurazione della rassegna, giovedì 9 maggio, alle ore 18.30, Galleria dei Celestini, che sancisce la collaborazione istituzionale tra i comuni di San Severo (capofila), San Paolo di Civitate e Serracapriola per l’organizzazione delle prossime edizioni del Festival. Ricco il programma di incontri, workshop, seminari sul rapporto tra paesaggio ed energie rinnovabili, sulla valorizzazione dei “corridoi ecologici”, tratturi e torrenti.

Nei pomeriggi di giovedì 9 e venerdì 10 maggio, dalle 15 alle 18 Galleria dei Celestini Officina di quartiere, appuntamento con il workshop di progettazione “Mosaico di San Severo: dal tratturo/percorso a tratturo/territorio”. Coordinano Antonio Leone, Università del Salento; Paolo Colarossi, Istituto Nazionale di Urbanistica; Domenico Potenza, Università Chieti-Pescara e Mauro Iacoviello, rappresentante del Tavolo Nazionale Contratti di Fiume. Partecipano ai gruppi di lavoro progettisti, studenti, associazioni. Venerdì 10 maggio, dalle 9 nella Sala conferenze della Galleria dei Celestini, la presentazione dello studio di fattibilità “I paesaggi del Tratturo Magno: dal tratturo/percorso al tratturo/territorio”, coordina Fabio Mucilli del Comune di San Severo, con la partecipazione del Gal Daunia Rurale 2020, associazioni e progettisti. Segue l’incontro “Valorizzazione del paesaggio e produzione di energia da fonti rinnovabili” sull’analisi dei rischi e delle opportunità di sviluppo per il Parco Agricolo Multifunzionale del Mosaico. Il Festival dedica il fine settimana alla scoperta ed esplorazione del territorio.

Sabato 11 maggio, dalle ore 9 alle 13, l’escursione “Mosaico di San Severo – corridoi ecologici nei torrenti Radicosa e Venolo”: la visita guidata al nuovo Boschetto sul Radicosa e alla sorgente del Venolo sul tratturo L’Aquila – Foggia, insieme a progettisti, studenti, associazioni, appassionati di trekking. Nel pomeriggio, dalle 18, “Andiamo è tempo di migrare”, appuntamento a Serracapriola, in località Doganella di Passo San Giacomo, per una passeggiata sul tratturello in compagnia della musica e delle danze del Gruppo Folkloristico di Agnone e dei racconti dello scrittore Nicola Mastronardi. Prevista la visita alla Cappella di Santa Maria del Monte e alla Chiesa di Sant’Anna. Tutti i partecipanti potranno conoscere, degustare, godere dei prodotti tipici del territorio lungo gli stand collocati sul Belvedere del Giro Esterno.

Domenica 12 maggio, alle ore 8, dal Comune di San Paolo di Civitate, in località Spiavento – San Severo, parte la “Camminata sul Tratturo Regio L’Aquila-Foggia” che prevede un percorso di circa 10 km, dal selciato romano a Madonna del Ponte, con soste animate da artisti e musicisti (I Dromedari, Cantori di Civitate, Brass Band) e degustazione di specialità pastorali e visite guidate alla Taverna e ai monumenti tratturali lungo il cammino.

Il Mosaico di San Severo Festival delle Culture del Paesaggio è promosso e organizzato dal Comune di San Severo sotto l’egida della Regione Puglia, con la direzione artistica del poeta e scrittore Davide Rondoni.



Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 03-05-2024 alle 19:10 sul giornale del 04 maggio 2024 - 12 letture






qrcode